Alberto Gori

Palio della BalestraUn balestriere di Gubbio al banco di tiro

150
L'origine dei Balestrieri (Ballistari) in Gubbio, come in tutti i grandi Comuni e nelle Repubbliche del Medio Evo, fu dovuta allo scopo di avere, in caso di bisogno, uomini pronti e adatti a servire la Patria. Si formarono così le "Compagnie del popolo" o "Società d'Armi" che si mantennero sino all'epoca delle Signorie.L' origine dei Balestrieri (Ballistari) in Gubbio, come in tutti i grandi Comuni e nelle Repubbliche del Medio Evo, fu dovutaallo scopo di avere, in caso di bisogno, uomini pronti e adatti a servire la Patria. Si formarono così le "Compagnie del popolo" o "Società d'Armi" che si mantennero sino all'epoca delle Signorie. Ogni balestriere doveva: essere munito di balestra con corda e crocco appartenere a classe agiata o popolana, non stare a servizio di chicchessia per essere libero di esercitarsi al tiro nei festivi. Nei libri delle riforme, che rappresentano una esatta e minuta cronistoria della vita politica ed amministrativa di Gubbio, per circa sette secoli, si può osservare come i vari gradi della Magistratura cittadina avessero gran cura dell'istituzione dei Balestrieri. Si sa pertanto che nel 1537 la Comunità concesse loro un vero e proprio poligono di tiro, poligono che a seguito di una transazione avvenuta nel 1537 tra la Società dei Balestrieri ed un tal Domenico Peri Angelis, ebbe la sua sede definitiva presso l'antica Porta del Marmorio (ora Porta Trasimeno). Si stabilì anche una "domuncula", piccolo edificio per conservare le balestre. La stessa transazione porta altresì le dimensioni del campo di tiro, che doveva essere tenuto sgombro da alberi, onde permettere ai balestrieri di compiere le loro esercitazioni. Nel 1729 si vollero coordinare le vecchie norme con altre che si era ritenuto di introdurre, sempre col dovuto accordo del Gonfaloniere, del Collega e dei Consoli. L'abilità ed il valore dei Balestrieri Eugubini nel tirare con la balestra antica all'italiana ha creato loro la fama legittima di uomini esperti con i quali è sempre un grosso onore cimentarsi. Quest'ultimo è il giusto e meritato riconoscimento per tutti quegli uomini e per quella Società che da più di cinque secoli è impegnata nella nobile arte del tiro con la balestra. La medievale arma diventa protagonista l'ultima domenica di maggio, gara. di tiro tra Gubbio e Sansepolcro, nel quadro delle feste in onore del Patrono S. Ubaldo. La gara consiste nel centrare il bersaglio ("Tasso") con una freccia scagliata da unadistanza di 36 metri. Fa da cornice al Palio il corteo storico con figuranti in costume. I rapporti tra Gubbio e Sansepolcro, le due città dove il tiro con laBalestra si è praticato ininterrottamente fino ai giorni nostri, hannoorigini antichissime e sono documentati a partire dal 1619, anno in cui ibalestrieri di Sansepolcro invitarono quelli di Gubbio, secondo un usanzasenz'altro anteriore, al Palio di S. Egidio. L'anno precedente, il 18 maggio 1618, in occasione della visita a Gubbio delgiovanissimo e sfortunato Principe Federico Ubaldo Della Rovere (1605-1623),ultimo erede dei Duchi di Urbino "…si tirorno le balestre secondo il sollito e il Sig. Principe stette alla finestra del Palazzo e finito che fu di tirare, callò a basso e volse vedere le balestre et il modo del tirare":evidentemente il Palio era già una importante tradizione!

Su questo sito utilizziamo cookie, di prima e di terza parte, per finalità tecniche e, previo tuo consenso, di profilazione, al fine di proporti annunci pubblicitari in linea con le tue preferenze.
Per maggiori informazioni o per prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi, leggi l'informativa.
Chiudendo questo avviso, proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo di tutti i cookie.
Accetta, proseguo e chiudo questa finestra