ph Giustino Guarini

I cavalli di Enrico Pandone

105
Enrico Pandone aveva ereditato dal padre un castello a Venafro, in Molise. Allevava cavalli. E tra il 1522 e il 1527 fece affrescare ogni ambiente del piano nobile con le immagini dei suoi cavalli, gli stalloni delle scuderie reali. Niente scene sacre o storie mitologiche, affrescate dai grandi pittori del tempo. Solo cavalli. A grandezza naturale. E non si accontentò di vederli solo fedelmente riprodotti. Li volle a rilievo d’intonaco e poi dipinti.

Su questo sito utilizziamo cookie, di prima e di terza parte, per finalità tecniche e, previo tuo consenso, di profilazione, al fine di proporti annunci pubblicitari in linea con le tue preferenze.
Per maggiori informazioni o per prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi, leggi l'informativa.
Chiudendo questo avviso, proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo di tutti i cookie.
Accetta, proseguo e chiudo questa finestra