Iscrizione sul mausoleo di Publio Numisio Ligo

167
Testo dell'epitaffio del Mausoleo di Publius Numisius Ligus: V(ivus). P(ublius) Numisius P(ubli) f(ilius) Vol(tinia tribu) Ligus p(ater), tr(ibunus) mil(itum) leg(ionis) III Aug(ustae), praef(ectus) fabr(um) XV, aed(ilis), II vir quinquen(nalis), II vir iur(e) dic(undo) II, q(uaestor) III, patronus municipi. V(ivae). Vanniae M(arci) f(iliae) Quartae uxori. P(ublio) Numisio P(ubli) f(ilio) Vol(tinia tribu) Liguri f(ilio). Huic decuriones decreverunt monimentum faciundum publica pecunia loco publico et oppidani contulerunt; pater fecit sua pecunia. “Da vivo Publio Numisio Ligure, figlio di Publio, della tribù Voltinia, padre, tribuno dei soldati della legione terza Augusta, prefetto del genio militare per quindici volte, edile, duoviro quinquennale, duoviro con potere giurisdicente per due volte, questore per tre volte, patrono del municipio, alla moglie Vannia Quarta, figlia di Marco, viva, e a Publio Numisio Ligure, figlio di Publio, della tribù Voltinia, figlio (suo). A costui i decurioni decretarono di fare un monumento a spese pubbliche in luogo pubblico con il contributo degli abitanti all'interno delle mura. Il padre fece a proprie spese.”

Su questo sito utilizziamo cookie, di prima e di terza parte, per finalità tecniche e, previo tuo consenso, di profilazione, al fine di proporti annunci pubblicitari in linea con le tue preferenze.
Per maggiori informazioni o per prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi, leggi l'informativa.
Chiudendo questo avviso, proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo di tutti i cookie.
Accetta, proseguo e chiudo questa finestra