ITALIAPEDIA - L'enciclopedia on line sui Comuni d'Italia

 

Home >> Nazione: Italia >> Regione: Campania >> Provincia: Caserta >> Comune: Teano

TEANO (CE)

 
Stemma del comune non disponibile
 

Servizi

  • Stazione ferroviaria: a Teano
  • Porto: a Napoli
  • Aeroporto: a Napoli/Capodichino e a Roma/Fiumicino
  • Carabinieri: a Teano
  • Guardia di finanza: a Teano
  • Vigili del fuoco: a Teano
  • Corte d'Appello: a Napoli
  • Tribunale: a Santa Maria Capua Vetere
  • Farmacia: a Teano
  • Ospedale: a Teano
  • Scuole: a Teano
  • Biblioteche: a Teano
  • Musei: a Teano
  • Uff.Postale: a Teano
 

Località

  • Salta elenco località
  • Borgonuovo, 
  • Cappelle, 
  • Carbonara, 
  • Casafredda, 
  • Casale, 
  • Casamostra, 
  • Casareale-Cipriani, 
  • Casi, 
  • Fontanelle, 
  • Furnolo, 
  • Magnano, 
  • Maiorisi, 
  • Poza, 
  • Pugliano, 
  • San Giuliano, 
  • San Marco, 
  • Santa Giulianeta, 
  • Santa Maria Versano, 
  • Scalo Ferroviario, 
  • Taverna-Zarone, 
  • Tranzi, 
  • Tuoro, 
  • Versano. 
   

Comune di Teano - Storia

TEANUM SIDICINUM fu fondata nel V-IV a.C. dai sidicini, popolo di stirpe sannitica. Eretta a colonia in età augustea e assai fiorente durante il periodo dell’impero, divenne sede vescovile nel IV secolo d.C.; nell’alto Medioevo fu capoluogo di una vasta contea longobarda e nel IX secolo offrì rifugio ai monaci dell’abbazia di Montecassino, devastata dai saraceni; quindi appartenne ai normanni e nei secoli successivi fu feudo di vari illustri signori, come i Dell’Aquila, i Del Balzo, i Marzano, i Carafa e i Gaetani di Sermoneta. Nelle sue vicinanze il 26 ottobre 1860, avvenne lo storico incontro tra Garibaldi e Vittorio Emanuele II, salutato come primo re d’Italia. Il toponimo ripete il nome dell’antico insediamento dei sidicini. Dell’abitato romano, più vasto di quello odierno e caratterizzato da pianta a scacchiera, si possono ammirare i resti della cinta muraria e di diversi edifici di epoca ellenistica e romana, tra cui il teatro, l’anfiteatro e le terme; in località Loreto si trovano inoltre le rovine di un grande santuario a terrazze di età preromana. Particolarmente ricco si mostra il patrimonio storico-architettonico. Notevoli opere d’arte sono custodite nel duomo intitolato a San Clemente, eretto nel XII secolo e rifatto nel Seicento e dopo la seconda guerra mondiale: di gran pregio sono il coro ligneo intarsiato (XVI secolo), il pergamo (XIII secolo), la tavola trecentesca raffigurante il Crocifisso e la settecentesca cappella di San Paride, che rappresenta quasi un’altra chiesa a sé stante. Degne di nota sono anche le chiese di San Benedetto (VIII-IX secolo), di San Francesco (XIV secolo) e di Santa Maria la Nova, la settecentesca chiesa barocca di Santa Caterina e, fuori dell’abitato, la chiesa romanica duecentesca di San Paride.

Invia segnalazione | Invia una foto

Invia segnalazione

I campi indicati con * sono obbligatori.

     

Invia una foto

I campi indicati con * sono obbligatori.

Autorizzo la pubblicazione delle fotografie allegate sul portale www.italiapedia.it

News

Loading...

 

Realizzazione siti internet CODENCODE