Salvatore Cassese

Mulino La fonte

80
Si tratta di uno dei numerosi mulini di Sant'Andrea di Conza, elementi fondamentali per la vita economica e non solo del Paese, finito in rovina ma recentemente ristrutturato e portato al novero di monumento. Prende il nome dalla località omonima, il cui nome è indicativo per la grande abbondanza di acque della zona. Il mulino risale agli inizi dell'Ottocento (fu costruito dal canonico don Alessandro Andreone) e fin da subito fu oggetto di diatribe in merito al suo utilizzo, causate dalle servitù alle quali era stato assoggettato il Monastero. I proprietari del mulino avevano deviato il corso delle acque e si erano serviti di due muri laterali di pertinenza dello stesso Monastero.

Su questo sito utilizziamo cookie, di prima e di terza parte, per finalità tecniche e, previo tuo consenso, di profilazione, al fine di proporti annunci pubblicitari in linea con le tue preferenze.
Per maggiori informazioni o per prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi, leggi l'informativa.
Chiudendo questo avviso, proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo di tutti i cookie.
Accetta, proseguo e chiudo questa finestra