ITALIAPEDIA - L'enciclopedia on line sui Comuni d'Italia

 

Home >> Nazione: Italia >> Regione: Sardegna >> Provincia: Carbonia-Iglesias >> Comune: Sant'Anna Arresi

SANT'ANNA ARRESI (CI)

 
Stemma del comune non disponibile
 

Servizi

  • Stazione ferroviaria: a Carbonia
  • Porto: a Cagliari
  • Aeroporto: a Cagliari/Elmas e a Roma/Fiumicino
  • Carabinieri: a Giba
  • Guardia di finanza: a Sant'Antioco
  • Vigili del fuoco: a Iglesias
  • Corte d'Appello: a Cagliari
  • Tribunale: a Cagliari
  • Farmacia: a Sant'Anna Arresi
  • Ospedale: a Carbonia: loc. Sirai
  • Scuole: a Sant'Anna Arresi
  • Biblioteche: a Sant'Anna Arresi
  • Musei: a Sant'Anna Arresi
  • Uff.Postale: a Sant'Anna Arresi
 

Località

  • Salta elenco località
  • Corrumanciu, 
  • Is Cinus, 
  • Is Faddas, 
  • Is Palas (Case Lindri), 
  • Is Peis, 
  • Is Pillonis, 
  • Is Potettus, 
  • Is Spigas, 
  • Is Uccheddus, 
  • Paniesu, 
  • Porto Pino, 
  • Portopinetto, 
  • Stagni, 
  • Stagno di Maestrale, 
  • Su Cambusciu. 
   

Comune di Sant'Anna Arresi - Storia

Il toponimo è un composto di un agionimo, “Sant'Anna”, e di un nome antico di villaggio, “Arresi”. Secondo qualche studioso esso riflette il personale latino ARNENSIS, mentre altri ipotizzano si tratti di un derivato dal sardo campidanese “arresi”, cioè ‘rettile' o ‘volpe'. L'attuale centro abitato risale al tardo Medioevo ma la zona fu abitata anche in epoche precedenti, come testimonia il nuraghe situato proprio a lato della chiesa. Seguì le vicende storiche di Giba, dalla quale si staccò solo nel 1964. Giba fu fondata da una colonia di berberi ribelli confinati dal re Genserico (secolo V). Dal secolo XI fece parte della curatoria di Sulci, nel Giudicato di Cagliari. Fu possesso dei conti della Gherardesca nella seconda metà del XIII secolo; nel 1355 inviò i propri rappresentanti al Primo Parlamento di Cagliari. Dotata di statuti propri e di alcuni privilegi, ebbe un notevole sviluppo fino al XVI secolo, quando fu infestata da frequenti incursioni barbaresche che ne determinarono la decadenza. Nel 1647, con Villarios e Masainas, fu costituito il marchesato di Villarios e concesso in feudo a Francesco Amat, i cui discendenti lo tennero fino al 1839. Interessanti sotto il profilo storico-architettonico sono le due chiese dedicate a Sant'Anna –una di costruzione ottocentesca e l'altra di costruzione recente– separate dal maestoso nuraghe Arresi completamente scavato, datato XIII secolo a.C.

Invia segnalazione | Invia una foto

Invia segnalazione

I campi indicati con * sono obbligatori.

     

Invia una foto

I campi indicati con * sono obbligatori.

Autorizzo la pubblicazione delle fotografie allegate sul portale www.italiapedia.it

News

Loading...

 

Realizzazione siti internet CODENCODE