ITALIAPEDIA - L'enciclopedia on line sui Comuni d'Italia

 

Home >> Nazione: Italia >> Regione: Sardegna >> Provincia: Carbonia-Iglesias >> Comune: San Giovanni Suèrgiu

SAN GIOVANNI SUèRGIU (CI)

 
Stemma del comune non disponibile
 

Servizi

  • Stazione ferroviaria: a Carbonia
  • Porto: a Cagliari
  • Aeroporto: a Cagliari/Elmas e a Roma/Fiumicino
  • Carabinieri: a San Giovanni Suèrgiu
  • Guardia di finanza: a Sant'Antioco
  • Vigili del fuoco: a Iglesias
  • Corte d'Appello: a Cagliari
  • Tribunale: a Cagliari
  • Farmacia: a San Giovanni Suèrgiu
  • Ospedale: a Carbonia: loc. Sirai
  • Scuole: a San Giovanni Suèrgiu
  • Biblioteche: a San Giovanni Suèrgiu
  • Musei: a San Giovanni Suèrgiu
  • Uff.Postale: a San Giovanni Suèrgiu
 

Località

  • Salta elenco località
  • Azienda Agraria Inps, 
  • Bruncuteula, 
  • Is Achenzas, 
  • Is Cordeddas, 
  • Is Gannaus, 
  • Is Ghisus, 
  • Is Imperas, 
  • Is Loccis, 
  • Is Loccis Diana, 
  • Is Loccis Santus, 
  • Is Massaius, 
  • Is Melonis, 
  • Is Pes, 
  • Is Pistis, 
  • Is Pitzus, 
  • Is Puesceddus, 
  • Is Scarteddus, 
  • Is Urigus, 
  • Matzaccara, 
  • Medau Is Collus, 
  • Palmas, 
  • Santa Caterina, 
  • Villaggio Palmas. 
   

Comune di San Giovanni Suèrgiu - Storia

Il toponimo riflette il nome del Patrono, San Giovanni Battista. La specificazione “Suergiu”, riprende il nome di un locale villaggio ricordato già nella seconda metà del XIII secolo, “Villa Suergio” e che qualche studioso ritiene che corrisponda al sardo campidanese “suergiu”, ‘sughero’, dal latino SUBER-ERIS. Di origine nuragica, è il risultato della trasformazione dei “furriadroxius”, insediamenti sparsi usati come rifugio per il bestiame dai pastori, in “Medaus”, agglomerati veri e propri aventi funzione urbana. Fece parte, dopo il Mille, del Giudicato di Cagliari e della curatoria di Sulcis; passò poi nel 1238 ai conti della Gherardesca. Dalla vicina Sulcis si riversavano abitanti in cerca di rifugio dai saraceni, poi dalla metà del 1300 e per oltre un secolo fu distrutta per opera dei barbareschi. Si ripopolò attorno al 1616 quando fu concessa in feudo alla famiglia De Gualbes. Del periodo romano restano le tracce del porticciolo e delle terme. Interessante sotto il profilo storico-architettonico è la chiesa parrocchiale.

Invia segnalazione | Invia una foto

Invia segnalazione

I campi indicati con * sono obbligatori.

     

Invia una foto

I campi indicati con * sono obbligatori.

Autorizzo la pubblicazione delle fotografie allegate sul portale www.italiapedia.it

News

Loading...

 

Realizzazione siti internet CODENCODE