ITALIAPEDIA - L'enciclopedia on line sui Comuni d'Italia

 

Home >> Nazione: Italia >> Regione: Emilia-Romagna >> Provincia: Forlì-Cesena >> Comune: Mèldola

MèLDOLA (FC)

 
Stemma del comune non disponibile
 

Servizi

  • Stazione ferroviaria: a Forlimpopoli
  • Porto: a Ravenna
  • Aeroporto: a Bologna/Borgo Panigale e a Milano/Malpensa
  • Carabinieri: a Mèldola
  • Guardia di finanza: a Forlì
  • Vigili del fuoco: a Forlì
  • Corte d'Appello: a Bologna
  • Tribunale: a Forlì
  • Farmacia: a Mèldola
  • Ospedale: a Mèldola
  • Scuole: a Mèldola
  • Biblioteche: a Mèldola
  • Musei: a Mèldola
  • Uff.Postale: a Mèldola
 

Località

  • Salta elenco località
  • Ca' di Sisto, 
  • Ca' Sordi, 
  • Montevescovo, 
  • Piandispino, 
  • Ricò, 
  • Rocca Caminate, 
  • San Colombano, 
  • Sant'Andrea in Dogheria, 
  • Teodorano, 
  • Valdinoce, 
  • Vitignano. 
   

Comune di Mèldola - Storia

Citata per la prima volta, come Metula e Meldula, in documenti del secolo XI, ha origini più antiche, stando ai reperti di epoca pre-romana e romana rinvenuti nella zona. Il toponimo deriva dal latino METULA, diminutivo di META, ‘mucchio, catasta’. Possedimento degli arcivescovi ravennati, nel Medioevo si sviluppò attorno al castello costruito, nella prima metà del secolo XI, su uno sperone roccioso, a controllo dei traffici lungo la via del Bidente. Assurta a libero comune, all’inizio del Duecento, venne coinvolta nelle lotte tra i guelfi e i ghibellini forlivesi, registrando diversi passaggi di proprietà. Feudo dei Calboli e degli Orgogliosi, tornò alla Chiesa nel XIV secolo, dopo un breve periodo di governo fiorentino. Sottoposta alla signoria dei Malatesta, che la persero e recuperarono più volte, a principio del Cinquecento fu venduta a Cesare Borgia, per poi essere conquistata dalla Serenissima. Al termine del dominio veneziano passò di nuovo allo Stato Pontificio, venendo donata ai Carpi, sotto i quali raggiunse una certa prosperità. Ceduta agli Aldobrandini, sul finire del XVI secolo, pervenne in seguito ai Borghese e ai Doria-Landi-Pamphili, cui fu restituita dopo la restaurazione pontificia. Attiva ne fu la partecipazione ai moti risorgimentali. Con l’annessione al Regno d’Italia ottenne il titolo di città. Tra le testimonianze storico-artistiche vanno segnalati: i resti della rocca medievale; la casa del patriota risorgimentale Felice Orsini; il palazzo degli Aldobrandini; la rocca delle Caminate; la collegiata di San Nicolò, del XII secolo; l’ex ospedale del Crocefisso; la rocca di Teodorano e il ponte costruito dai veneziani, all’inizio del Cinquecento.

Invia segnalazione | Invia una foto

Invia segnalazione

I campi indicati con * sono obbligatori.

     

Invia una foto

I campi indicati con * sono obbligatori.

Autorizzo la pubblicazione delle fotografie allegate sul portale www.italiapedia.it

News

Loading...

 

Realizzazione siti internet CODENCODE