ITALIAPEDIA - L'enciclopedia on line sui Comuni d'Italia

 

Home >> Nazione: Italia >> Regione: Sardegna >> Provincia: Olbia-Tempio >> Comune: Calangiànus

CALANGIàNUS (OT)

 
Stemma del comune non disponibile
 

Servizi

  • Stazione ferroviaria: a Monti
  • Porto: a Olbia
  • Aeroporto: a Olbia/Costa Smeralda e a Roma/Fiumicino
  • Carabinieri: a Calangiànus
  • Guardia di finanza: a Tempio Pausania
  • Vigili del fuoco: a Tempio Pausania
  • Corte d'Appello: a Sassari
  • Tribunale: a Tempio Pausania
  • Farmacia: a Calangiànus
  • Ospedale: a Tempio Pausania
  • Scuole: a Calangiànus
  • Biblioteche: a Calangiànus
  • Musei: a Calangiànus
  • Uff.Postale: a Calangiànus
 

Località

   

Comune di Calangiànus - Storia

Il toponimo, “Cara-àni” nella dizione locale, è una formazione latina derivante dall'antroponimo CALINIUS o CALENIUS, CALONIUS, con suffisso –ANUS, probabile plurale, con valore di ‘abitanti di un fondo'. Le sue origini risalgono all'epoca medievale, periodo in cui venne fondata in un sito distante circa due chilometri da quello attuale. Appartenuta alla curatoria di Gemini Jusso dell'antico Giudicato di Gallura, in seguito alla morte del suo ultimo esponente, passò ai Pisani, agli Aragonesi, a Eleonora d'Arborea, che pubblicò la “carta de logu” e, di nuovo, agli Aragonesi. Sotto il dominio di questi ultimi conobbe momenti di grande lustro, figurando al secondo posto, per importanza, nella graduatoria delle ville del dipartimento, favorita anche dalla sua felice posizione che la preservava da pestilenze e incursioni barbariche. Tra le vestigia del suo passato occupa un posto di primo piano la chiesa di Santa Giusta, eretta nel XVI secolo e rimaneggiata e arricchita di affreschi da parte di Frà Bonaventura. Al suo interno si conservano un baldacchino in noce, due leoni in marmo verde, opera di un discepolo del Canova, il pulpito e il battistero del Caprino, due dipinti del Davera e una pala con raffigurata l'Assunzione di Andrea Lusso. Altri monumenti degni di nota sono il convento, risalente al XVI secolo, la Fontana Nuova e i nuraghi di Monti di Deu.

Invia segnalazione | Invia una foto

Invia segnalazione

I campi indicati con * sono obbligatori.

     

Invia una foto

I campi indicati con * sono obbligatori.

Autorizzo la pubblicazione delle fotografie allegate sul portale www.italiapedia.it

News

Loading...

 

Realizzazione siti internet CODENCODE