ITALIAPEDIA - L'enciclopedia on line sui Comuni d'Italia

 

Home >> Nazione: Italia >> Regione: Campania >> Provincia: Benevento >> Comune: Ceppaloni

CEPPALONI (BN)

 
Stemma del comune non disponibile
 

Servizi

  • Stazione ferroviaria: a Chianche (AV)
  • Porto: a Napoli
  • Aeroporto: a Napoli/Capodichino
  • Carabinieri: a Ceppaloni
  • Guardia di finanza: a Montesarchio
  • Vigili del fuoco: a Benevento
  • Corte d'Appello: a Napoli
  • Tribunale: a Benevento
  • Farmacia: a Ceppaloni
  • Ospedale: a Benevento
  • Scuole: a Ceppaloni
  • Biblioteche: a Ceppaloni
  • Musei: a Ceppaloni
  • Uff.Postale: a Ceppaloni
 

Località

  • Salta elenco località
  • Barba, 
  • Beltiglio, 
  • Bosco, 
  • Brecciale, 
  • Confini, 
  • Donisi, 
  • Manni, 
  • Martini, 
  • Petrara, 
  • Ripabianca, 
  • Rotola, 
  • San Giovanni, 
  • Sant'Angiolillo, 
  • Santa Croce, 
  • Tressanti, 
  • Trocchia, 
  • Venaglie. 
   

Comune di Ceppaloni - Storia

Popolata fin da tempi molto antichi, assunse in età romana una certa importanza poiché vi passava la via Aquilia, che congiungeva la via Appia allo stretto di Barba. Già presente in alcune fonti documentarie dell'VIII secolo d.C., è menzionata nell'878, in un atto di donazione stilato dal principe Adelgiso in favore dei benedettini di Montecassino. Passò in seguito ai normanni, che ambivano al predominio sulla valle del Sabato e su Benevento. Per la sua posizione strategica fu spesso al centro di aspre lotte: nel 1125, contesa tra Rainulfo e il conte Ruggiero di Sicilia, parteggiò inizialmente per il secondo, da cui venne poi distrutta dopo aver appoggiato il conte Rainulfo; nel 1229, nell'ambito delle lotte tra Federico II di Svevia e la corte pontificia, fu incendiata dall'esercito papale. Passò successivamente agli Aragonesi, agli Angioini, ai Sus e ai Della Marra, che la detennero fino al 1529. Fu donata allora a Roderico d'Avalos, che la cedette ai Cossa; nel 1627 fu acquistata dai Della Leonessa di San Martino, da cui passò, nel 1834, Ceppaloniai Pignatelli di Monteroduni. Il toponimo, di etimologia non chiara, potrebbe derivare dalla locuzione latina ARA CIBELIS, ‘ara dedicata alla dea Cibele'. Il centro storico è dominato da un castello di origine longobarda, appartenuto alla famiglia Della Leonessa e da questa ampiamente rimaneggiato nel 1634. La chiesa trecentesca dell'Annunziata, fiancheggiata dal coevo convento di Sant'Antonio (oggi sede municipale), conserva una pregevole pala del Quattrocento; la costruzione della chiesa di San Nicola di Bari è invece antecedente al XII secolo.

Invia segnalazione | Invia una foto

Invia segnalazione

I campi indicati con * sono obbligatori.

     

Invia una foto

I campi indicati con * sono obbligatori.

Autorizzo la pubblicazione delle fotografie allegate sul portale www.italiapedia.it

News

Loading...

 

Realizzazione siti internet CODENCODE