ITALIAPEDIA - L'enciclopedia on line sui Comuni d'Italia

 

Home >> Nazione: Italia >> Regione: Piemonte >> Provincia: Verbano-Cusio-Ossola >> Comune: Cavàglio Spòccia

CAVàGLIO SPòCCIA (VB)

 
Stemma del comune non disponibile
 

Servizi

  • Stazione ferroviaria: a Malesco
  • Porto: a Genova
  • Aeroporto: a Milano Malpensa e a Torino/Caselle
  • Carabinieri: a Cannobio
  • Guardia di finanza: a Cannobio
  • Vigili del fuoco: a Verbania
  • Corte d'Appello: a Torino
  • Tribunale: a Verbania
  • Farmacia: a Cannobio
  • Ospedale: a Verbania
  • Scuole: a Cavàglio Spòccia
  • Biblioteche: a Cavàglio Spòccia
  • Musei: a Cavàglio Spòccia
  • Uff.Postale: a Cavàglio Spòccia
 

Località

   

Comune di Cavàglio Spòccia - Economia

Viste le dimensioni della comunità, non vi sono particolari strutture burocratiche: le uniche attività del genere che vi si svolgono sono quelle connesse al funzionamento dei normali servizi municipali e postali. È sede della Comunità montana. Considerate le caratteristiche orografiche della zona, l’agricoltura non viene più praticata; praticato è, invece, l’allevamento di caprini, ovini e avicoli. Le attività industriali sono limitate a qualche piccola azienda che opera nei comparti alimentare, edile, metallurgico e della lavorazione del legno. Anche se non sono forniti servizi più qualificati come quello bancario, una sufficiente rete commerciale si aggiunge ai vari servizi che costituiscono il quadro del terziario. Non dispone di strutture degne di nota: sociali, sportive e per il tempo libero. Le scuole del posto assicurano soltanto l’istruzione elementare; manca una biblioteca per l’arricchimento culturale. Le strutture ricettive offrono possibilità di ristorazione ma non di soggiorno. L’assenza di una farmacia rende necessario rivolgersi altrove anche per i servizi sanitari di base.

Fondi comunitari

Nella nuova Programmazione 2007-2013 della politica di coesione economica e sociale dell'Unione Europea il comune rientra nell'Obiettivo "Competitività regionale e occupazione". A partire dall'1 gennaio 2007 nelle aree rientranti in tale obiettivo l'impiego dei "fondi strutturali" europei punta a rafforzare la competitività, l'occupazione e l'attrattiva delle regioni, ad anticipare i cambiamenti socioeconomici, a promuovere l'innovazione, l'imprenditorialità, la tutela dell'ambiente, l'accessibilità, l'adattabilità dei lavoratori e lo sviluppo dei mercati.
Cfr. Regolamento (CE) n. 1083/2006 dell'11 luglio 2006 recante disposizioni generali sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, sul Fondo Sociale Europeo e sul Fondo di Coesione.

Invia segnalazione | Invia una foto

Invia segnalazione

I campi indicati con * sono obbligatori.

     

Invia una foto

I campi indicati con * sono obbligatori.

Autorizzo la pubblicazione delle fotografie allegate sul portale www.italiapedia.it

News

Loading...

 

Creazione siti internet CODENCODE