Michele Farina

Grotta di San Michele Arcangelo

223
Si tratta di una grotta ricavata da una cavità naturale (Grotta dell'Angelo), sembra in origine sia stata progettata dai longobardi come omaggio al veneratissimo San Michele (risalirebbe addirittura all'841). La grotta si caratterizza per due cavità naturali, in una delle quali sono presenti diverse insenature naturali con tanto di stalattiti, mentre nell'altra è presente l'altare in marmo con relativa nicchia che custodisce la statua dell'Arcangelo Michele. Interessanti, ma piuttosto malandati, due affreschi realizzati da monaci eremiti rappreentatnti la Madonna contornata dai Santi e nell'altro ancora l'Arcangelo. Si dice che suonare la campana il giorno di Lunedì in Albis aiuti i pellegrini ad avere protezione dal santo, con particolare riferimento alle gestanti.

  • URL: https://www.instagram.com/itinerari_fotografici/
Su questo sito utilizziamo cookie, di prima e di terza parte, per finalità tecniche e, previo tuo consenso, di profilazione, al fine di proporti annunci pubblicitari in linea con le tue preferenze.
Per maggiori informazioni o per prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi, leggi l'informativa.
Chiudendo questo avviso, proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo di tutti i cookie.
Accetta, proseguo e chiudo questa finestra