Chiesa di San giuseppe (o del Gesù)

40
La Chiesa di S. Ignazio (oggi S. Giuseppe o del Gesù) fu realizzata secondo un progetto approvato il 25 agosto 1681; i lavori iniziarono nell’inverno del 1682/83 e proseguirono fino al 1690 circa;in tale data i padri presenti nel collegio erano 15; successivamente i lavori procedettero lentamente, fino all’apertura al culto nel 1701, l'altare maggiore fu eretto nel 1726 e la facciata fu ultimata nel 1750; dello stesso periodo sono gli stucchi; un’iscrizione in facciata riporta proprio la data 1750 probabilmente riferita alla sistemazione della stessa. Attribuita nel progetto a Francesco Grimaldi, celebre architetto lucano. La Chiesa, a navata unica con sei cappelle laterali dove sono presenti una serie di opere d'arte tutte pregevoli fa cui: Lo “Sposalizio di San Giuseppe” di G. Rubino, “San Tommaso da Villanova”, di autore ignoto, Ovale con “Scena di battesimo” “Morte di F. Saverio”; “SS. Cosmo e Damiano”, statue in legno scolpite da F. Morani nel 1853. Inoltre altre tele sette-ottocentesche tra cui: il “Martirio di Santo Stefano” del Mergolo, “Gesù tra i dottori” di Emanuele Paparo, la “Sacra famiglia con S. Giovanni Battista”, la “Madonna del Rosario” e la “Madonna della Cintola “ di autori ignoti. Infine l'altare su cui poggia il gruppo statuario di San Giuseppe (opera di Fabrizio Frangipane) fu costruito dal vibonese Giuseppe Mantella. Non si era ancora finita di completare la costruzione del Collegio quando i PP. Della Compagnia di Gesù dovettero lasciare Monteleone, coll’editto citato il 3 novembre 1767, di Re Ferdinando IV, espulsi per sempre dal Regno delle Due Sicilie. Documenti da Relazione storica ex collegio dei Gesuiti e Chiesa di San Giuseppe (Cooprogetti Soc. Coop. ) SPQVIBO

Su questo sito utilizziamo cookie, di prima e di terza parte, per finalità tecniche e, previo tuo consenso, di profilazione, al fine di proporti annunci pubblicitari in linea con le tue preferenze.
Per maggiori informazioni o per prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi, leggi l'informativa.
Chiudendo questo avviso, proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo di tutti i cookie.
Accetta, proseguo e chiudo questa finestra