Gruppo scultoreo de “Il Crocefisso” - Santa Maria Degli Angeli

224
Visitato ogni anno, nei venerdì del mese di marzo, da migliaia di fedeli provenienti da tutto il circondario vibonese che vengono a pregare sulla cosiddetta “schiodata” cioè un gruppo di statue policrome al cui centro spicca la figura del Cristo schiodato dalla croce, seduto, ricoperto di lividi e grondante sangue. Si tratta più precisamente del cosiddetto “Cristo degli Angeli “un imponente gruppo di statue policrome posto sull’altare maggiore della chiesa raffigurante Gesù crocifisso. L’opera fu eseguita nel XVII secolo e attribuita, secondo gli storici locali, a Padre Giovanni da Reggio, ma in realtà a tutt’oggi rimane ignoto il suo autore che comunque dovrebbe orbitare tra la cerchia dei Padri Riformati Francescani che avevano il loro convento, odierno convitto G. Filangeri, proprio accanto alla chiesa. Il “Cristo degli Angeli” è unico nel suo genere proprio per questa sua inusuale posizione in quanto è stato raffigurato schiodato dalla croce e seduto mentre grondante di sangue viene attorniato da una schiera di angeli, dalla Madonna, da San Giovanni Evangelista e dalla Maddalena. Per questa sua particolare rappresentazione ne fanno un' opera non solo di forte impatto emotivo e religioso, ma anche di grande pregio artistico e storico. da SPQVIBO

Su questo sito utilizziamo cookie, di prima e di terza parte, per finalità tecniche e, previo tuo consenso, di profilazione, al fine di proporti annunci pubblicitari in linea con le tue preferenze.
Per maggiori informazioni o per prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi, leggi l'informativa.
Chiudendo questo avviso, proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo di tutti i cookie.
Accetta, proseguo e chiudo questa finestra