itala

Descrizione

Centro costiero di origini medievali, che accanto alle tradizionali attività agricole e all’industria ha sviluppato il turismo. I borghettini, con un indice di vecchiaia sensibilmente alto, sono concentrati per la maggior parte nel capoluogo comunale; il resto della popolazione si distribuisce tra diverse case sparse e la località Pineland. Il territorio, classificato collinare, presenta un profilo geometrico irregolare, con variazioni altimetriche molto accentuate: si raggiungono i 541 metri di quota. L’abitato, che, che con i resti delle mura medievali, ricorda la funzione difensiva dell’insediamento, non mostra segni di espansione edilizia; separato dalla spiaggia mediante la ferrovia, ha un andamento plano-altimetrico vario. Lo stemma comunale, concesso con Decreto del Presidente della Repubblica, raffigura, in campo argentato, un castello rosso, fondato su un mare azzurro, ombrato d’argento e sormontato da una spada d’oro che spezza una scimitarra, a ricordo degli scontri avvenuti, nel 1637, tra i cristiani e alcune galee turche che avevano tentato di invadere il territorio.

Storia

Fu fondata da Albenga, verso la fine del XIII secolo, nelle vicinanze del capo d’Anzo, dove sorgeva un ospizio monacale, dedicato allo Spirito Santo. Si spiega così la seconda parte del toponimo, mentre la prima è il diminutivo in -etto del latino BURGUS, avente il significato di ‘borgo, villaggio’. Citata come Burgo Sancti Spiritus e come Burgeto in documenti del Trecento, fu trasformata in un luogo fortificato dagli albenganesi, che la dotarono di una cinta muraria, facendone un avamposto nella guerra contro Loano, assoggettata ai Doria. Nella prima del XIV secolo passò sotto la repubblica marinara di Genova che, dopo le dominazioni dei Visconti, dei francesi e del marchese del Monferrato, ritrovò temporaneamente la sua potenza con Andrea Doria, nel Cinquecento. Coinvolta nelle lotte che imperversarono nella zona, sul finire del XVIII secolo si aprì all’occupazione napoleonica. Nel 1815, all’indomani del congresso di Vienna, venne annessa al regno di Sardegna. Tra le testimonianze storico-architettoniche spiccano: la seicentesca chiesa parrocchiale di San Matteo, sovrastata da un campanile barocco; i resti delle mura, del XIII secolo, incorporati in alcune abitazioni; il castello Borelli, dell’Ottocento, a capo Santo Spirito, e i ponti, di epoca romana, nei pressi di Loano.

Economia

Va segnalata la presenza della Pro Loco. L’economia locale, che non ha abbandonato l’agricoltura, si avvale, tra l’altro, della produzione di ortaggi, olive, uve, agrumi e altra frutta; è praticato anche l’allevamento avicolo. L’industria è costituita da aziende operanti nei comparti alimentare, cantieristico, edile, metallurgico, del legno e del vetro; a queste si affiancano fabbriche di mobili e prodotti petroliferi raffinati. È presente il servizio bancario; una buona rete distributiva (basata soprattutto sul commercio al dettaglio) e attività di consulenza informatica arricchiscono il panorama del terziario. Tra le strutture sociali figura un asilo nido. Nelle scuole del posto si impartisce l’istruzione obbligatoria; manca una biblioteca per l’arricchimento culturale. Rilevante è la dotazione di strutture ricettive che, accanto alla ristorazione, offrono una vastissima possibilità di soggiorno. A livello sanitario è assicurato il servizio farmaceutico.

Relazioni

Stazione balneare, registra un consistente movimento di turisti, attratti dalla possibilità di trascorrervi piacevoli soggiorni, gustando le specialità gastronomiche locali e godendo del clima mite e di una suggestiva cornice paesaggistica. Frequentata anche per lavoro, grazie alle sue attività produttive e soprattutto alla presenza delle industrie e allo sviluppo dell’indotto turistico, che consentono di richiamare manodopera dai dintorni, è al centro di rapporti particolarmente intensi con i comuni del circondario, ai quali la popolazione si rivolge per l’istruzione secondaria di secondo grado e i servizi non disponibili sul posto. Tra gli appuntamenti consueti, che contribuiscono ad aumentare il flusso dei visitatori, meritano di essere citati: la fiera di Sant’Antonio, a giugno; il mercatino dell’antiquariato, a giugno-agosto, e la sagra della melanzana, ad agosto. Il mercato si svolge il martedì. La festa del Patrono, San Matteo, viene celebrata il 21 settembre.

Località

Pineland

INFO
  • Popolazione 4.948
  • Lat 44° 6' 31,66'' 44.10879444
  • Long 8° 14' 21,52'' 8.23931111
  • CAP 17020
  • Prefisso 0182
  • Codice ISTAT 009012
  • Codice Catasto A999
  • Altitudine slm 2 mt
  • zona clim./gradi giorno
    Riscaldamento: dal 15/11 al 31/03 per 10 ore/giorno
    C/1360
  • Superficie 5.34 Km2
  • Densità 926,59 ab/Km2
  • Sismicità Zona 3
  • Alba 05:30
  • Tramonto 19:34
Contatti
ODV
NomeIndirizzo
ASSOCIAZIONE A.I.B. CALICE LIGUREPIAZZA MASSA SNC
BORDER COLLIE RESCUE ITALIAVIA PORTIO 195
CONFRATERNITA IMMACOLATA CONCEZIONE SOTTO IL TITOLO DI SAN CARLO BORROMEOP ZZA SAN CARLO SNC
CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE DI MAGLIOLOVIA MAZZINI 1
BORDER COLLIE RESCUE ITALIAVIA PORTIO 195
CONFRATERNITA IMMACOLATA CONCEZIONE SOTTO IL TITOLO DI SAN CARLO BORROMEOP ZZA SAN CARLO SNC
CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE DI MAGLIOLOVIA MAZZINI 1
P.A. CROCE BIANCA DOTT. G. CESIOVIA TRATTATI DI ROMA 6
PRO LOCO STELLANELLOFRAZ ROSSI LOCALITA' BONNELLI N 1
PRO LOCO TOVO SAN GIACOMOVIA ROMA 1
News
Lunedì 11/04/2022 09:00
I riti in programma sul Web per la Settimana Santa e la festività di Pasqua 2022  
Rinnovamento nello Spirito Santo
Su questo sito utilizziamo cookie, di prima e di terza parte, per finalità tecniche e, previo tuo consenso, di profilazione, al fine di proporti annunci pubblicitari in linea con le tue preferenze.
Per maggiori informazioni o per prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi, leggi l'informativa.
Chiudendo questo avviso, proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo di tutti i cookie.
Accetta, proseguo e chiudo questa finestra