ITALIAPEDIA - L'enciclopedia on line sui Comuni d'Italia

 

Home >> Nazione: Italia >> Regione: Liguria

Regione LIGURIA

Capoluogo: Gènova

Scheda

 
Stemma della regione Liguria
   

Regione Liguria - Storia

Descritti da Esiodo come rozzi e selvaggi, pirati ferocissimi, i liguri costituivano, secondo Eratostene, uno dei tre ceppi fondamentali dell’umanità, insieme a quelli etiopico e scita. Ben più antica è la presenza dell’uomo in Liguria, come documentano numerosi reperti archeologici: i resti di età paleolitica dei Balzi Rossi, quelli neolitici delle Arene Candide del finalese, le incisioni rupestri del monte Bego (dell’età del bronzo), le urne cinerarie (dell’età del ferro), rinvenute a Chiavari. I liguri dovettero avere contatti frequenti con etruschi, italici e greci. Soprattutto nella Riviera di Levante dovette intensificarsi l’influsso degli etruschi. Al III secolo risale il contatto con la civiltà romana, invece, in particolare per Genova, che ebbe contatti pacifici, contrariamente alle tribù liguri dell’interno e della Riviera di Ponente. Dopo la caduta dell’impero romano d’occidente, la zona risultò interessante per i bizantini, per i suoi porti: divenne la Provincia Marittima Italorum, che solo nel 643 passò ai longobardi. La Liguria fu divisa forse in ducati e poi in contee e, durante il regno di Berengario II (nella seconda metà del X secolo) fu frazionata in tre marche: obertenga (a oriente); aleramica (al centro) e arduinica (a occidente). Le incursioni dei saraceni spinsero la popolazione a ritirarsi lontano dalle città e a concentrarsi nei monasteri e nelle abbazie, che sorsero numerosi. Scongiurato il pericolo saraceno nel 972 si ebbe la grande rinascita dell’XI secolo. Fu durante il medioevo, appunto, che Genova si impose come repubblica marinara e che fiorì proprio per i commerci, che furono incrementati particolarmente a partire dalle crociate, e per i rapporti intensi che intrattenne con i mercati del nord Europa. L’ascesa di Genova la spinse a cercare di impossessarsi delle due riviere e dell’immediato entroterra: non fu impresa semplice e la conseguenza fu una scissione fra la “Superba” e i comuni e le consorterie locali per lungo tempo indomiti, sebbene alla fine, spesso, piegati. Se la figura di Andrea Doria (tra XV e XVI secolo) rappresenta un momento di prestigio per le glorie genovesi, con il bombardamento da parte dei francesi del 1648 e l’occupazione del 1746 da parte degli austriaci si ha l’inizio della discesa dell’astro genovese. La sua storia gloriosa, soprattutto dopo la rivoluzione francese, ha gli ultimi momenti di vita nella repubblica di Genova (cosiddetta democratica), che comprende i feudi imperiali e la repubblica di Noli, che erano rimaste le ultime zone libere. Dopo la sottomissione all’impero francese del 1806 e al termine dell’era napoleonica cade ogni possibilità di ricostruire l’antica repubblica. La Liguria viene assegnata al regno sabaudo, di cui seguirà le sorti, che vedranno la costituzione del regno d’Italia. L’appoggio dei liguri alla Resistenza, nel corso del secondo conflitto mondiale, fu notevole.

Invia segnalazione | Invia una foto

Invia segnalazione

I campi indicati con * sono obbligatori.

     

Invia una foto

I campi indicati con * sono obbligatori.

Autorizzo la pubblicazione delle fotografie allegate sul portale www.italiapedia.it

Meteo

Meteo Liguria

News

Loading...

 

Web agency CODENCODE