ITALIAPEDIA - L'enciclopedia on line sui Comuni d'Italia

 

Home >> Nazione: Italia >> Regione: Emilia-Romagna >> Provincia: Modena >> Comune: Spilamberto

SPILAMBERTO (MO)

 
Stemma del comune non disponibile
 

Servizi

  • Stazione ferroviaria: a Castelfranco Emilia
  • Porto: a Ravenna
  • Aeroporto: a Bologna/Borgo Panigale e a Milano/Malpensa
  • Carabinieri: a Spilamberto
  • Guardia di finanza: a Vignola
  • Vigili del fuoco: a Modena
  • Corte d'Appello: a Bologna
  • Tribunale: a Modena
  • Farmacia: a Spilamberto
  • Ospedale: a Vignola
  • Scuole: a Spilamberto
  • Biblioteche: a Spilamberto
  • Musei: a Spilamberto
  • Uff.Postale: a Spilamberto
 

Località

  • Salta elenco località
  • Baranzona, 
  • Ca' Amidei, 
  • Ca' Busa, 
  • Ca' Nannini, 
  • Casalgrandi, 
  • Colombarina, 
  • Fraberia, 
  • Ponte del Guerro, 
  • San Vito, 
  • Sant'Eusebio, 
  • Settecani, 
  • Zona Artigianale. 
   

Comune di Spilamberto - Storia

I primi insediamenti nella zona, il cui toponimo deriva da spinarium, ‘luogo incolto e spinoso’, risalgono all’era paleolitica, come testimoniato dai reperti rinvenuti, tra cui uno strumento litico databile a 300.000 anni fa. Abitata anche dall’uomo di Neanderthal e dall’uomo sapiens, registrò stanziamenti in tutte le epoche preistoriche e in seguito non mancò la presenza etrusca e soprattutto quella romana. Fin dall’ottavo secolo fu tra i possedimenti dell’abbazia di Nonantola, sotto la quale conobbe una ripresa economica e demografica, dopo il degrado del periodo altomedioevale. All’autorità abbaziale seguì, dopo un periodo di signoria matildea, il dominio del comune di Modena e, a partire dalla metà del XIV secolo, quello degli Estensi, che la concessero in feudo ai Rangoni. Questi vi governarono fino alla fine del Settecento, pur con qualche parentesi dovuta alle occupazioni pontificia, francese e austriaca, distinguendosi per l’impegno profuso in varie attività benefiche e nel cercare di assicurare la crescita della cittadina, mediante l’istituzione nel 1610 di una filanda (la stessa che nel 1907 fu al centro del grande sciopero delle filandiere). La conquista dell’autonomia amministrativa, avvenuta con l’annessione al Regno d’Italia, fu seguita da un’attiva partecipazione alle successive vicende nazionali e internazionali. Nel patrimonio storico-architettonico spiccano: il monumento alla Resistenza; il torrione del XII secolo; il palazzo del Bargello circondato dal “Pavaglione”, il portico dove dal XVI secolo si teneva il mercato dei bozzoli dei bachi da seta; la chiesa di Sant’Adriano, eretta dai monaci dell’abbazia di Nonantola nel XIII secolo; le chiese di Santa Maria del Carmine e Santa Maria degli Angeli; la rocca e la villa Rangoni; la parrocchiale di San Giovanni Battista, del 1200; il palazzo municipale; il convento dei monaci agostiniani; gli oratori di Santa Liberata, Sant’Anna e della Santissima Annunziata.

Invia segnalazione | Invia una foto

Invia segnalazione

I campi indicati con * sono obbligatori.

     

Invia una foto

I campi indicati con * sono obbligatori.

Autorizzo la pubblicazione delle fotografie allegate sul portale www.italiapedia.it

News

Loading...

 

Realizzazione siti internet CODENCODE