ITALIAPEDIA - L'enciclopedia on line sui Comuni d'Italia

 

Home >> Nazione: Italia >> Regione: Emilia-Romagna >> Provincia: Modena >> Comune: Savignano sul Panaro

SAVIGNANO SUL PANARO (MO)

 
Stemma del comune non disponibile
 

Servizi

  • Stazione ferroviaria: a Castelfranco Emilia
  • Porto: a Ravenna
  • Aeroporto: a Bologna/Borgo Panigale e a Milano/Malpensa
  • Carabinieri: a Savignano sul Panaro
  • Guardia di finanza: a Vignola
  • Vigili del fuoco: a Modena
  • Corte d'Appello: a Bologna
  • Tribunale: a Modena
  • Farmacia: a Savignano sul Panaro
  • Ospedale: a Vignola
  • Scuole: a Savignano sul Panaro
  • Biblioteche: a Savignano sul Panaro
  • Musei: a Savignano sul Panaro
  • Uff.Postale: a Savignano sul Panaro
 

Località

  • Salta elenco località
  • Bocchirolo, 
  • Formica, 
  • Garofano, 
  • La Torre, 
  • Magazzino, 
  • Mulino, 
  • San Giovanni. 
   

Comune di Savignano sul Panaro - Storia

I primi insediamenti nella zona risalgono al Paleolitico, come testimoniato dal rinvenimento della cosiddetta “Venere di Savignano”; numerosi sono inoltre i reperti riferibili al neolitico, all’età del bronzo, alla cultura villanoviana, agli etruschi, ai galli boi e, a partire dal III secolo a.C., ai romani, cui si deve anche l’origine del toponimo, da SABINIUS, nome del proprietario del fondo su cui sorse il VICUS SABINIANUS. Nel corso del Medioevo assunse l’aspetto di un borgo fortificato che, dopo essere appartenuto ai vescovi di Modena, fu ceduto nella prima metà dell’undicesimo secolo ai marchesi di Toscana, per passare poi alla contessa Matilde di Canossa. Assegnata nuovamente alla chiesa modenese, dopo la morte della contessa, passò nella prima metà del XIII secolo al comune di Modena: divenne quindi proprietà degli Estensi, che, agli inizi del XV secolo, la infeudarono ai De’ Contrari e successivamente ai Boncompagni, il cui governo, sebbene più volte interrotto, si protrasse fino all’occupazione napoleonica del 1796. Dopo essere stato soggetta a Bazzano, con l’avvento della restaurazione fu inserita nel comune di Vignola finché, con la caduta del ducato estense, recuperò l’autonomia amministrativa nel 1859. Annessa al Regno d’Italia, assunse l’attuale denominazione per distinguersi dai comuni omonimi. Nella storia più recente non si segnalano eventi di particolare rilievo, seguendo le sorti dei territori circostanti. Tra i monumenti del patrimonio storico-architettonico figurano: il castello, fornito di ponte levatoio, preceduto da una poderosa torre; il palazzo comunale; la parrocchiale dell’Assunta, di cui si ha notizia già nell’undicesimo secolo; l’oratorio di San Giovanni Battista; l’oratorio di San Rocco, costruito come ex-voto per la scampata pestilenza nel 1631. Degni di nota sono anche un pozzo ottagonale presso la Biblioteca Civica e il borgo del XV secolo, perfettamente conservato.

Invia segnalazione | Invia una foto

Invia segnalazione

I campi indicati con * sono obbligatori.

     

Invia una foto

I campi indicati con * sono obbligatori.

Autorizzo la pubblicazione delle fotografie allegate sul portale www.italiapedia.it

News

Loading...

 

Realizzazione siti internet CODENCODE