ITALIAPEDIA - L'enciclopedia on line sui Comuni d'Italia

 

Home >> Nazione: Italia >> Regione: Sicilia >> Provincia: Agrigento >> Comune: Sant'Àngelo Muxaro

SANT'ÀNGELO MUXARO (AG)

 
Stemma del comune non disponibile
 

Servizi

  • Stazione ferroviaria: ad Aragona: loc. Caldare
  • Porto: a Porto Empedocle
  • Aeroporto: a Palermo/Punta Raisi e a Roma/Fiumicino
  • Carabinieri: a Sant'Àngelo Muxaro
  • Guardia di finanza: ad Agrigento
  • Vigili del fuoco: ad Agrigento
  • Corte d'Appello: a Palermo
  • Tribunale: ad Agrigento
  • Farmacia: a Sant'Àngelo Muxaro
  • Ospedale: ad Agrigento
  • Scuole: a Sant'Àngelo Muxaro
  • Biblioteche: a Sant'Àngelo Muxaro
  • Musei: a Sant'Àngelo Muxaro
  • Uff.Postale: a Sant'Àngelo Muxaro
   

Comune di Sant'Àngelo Muxaro - Storia

Qualche filologo cita l'attestazione Sant'Angelo lo Mussaro, in latino medievale “S. Angelus de Muxaro”, con chiara derivazione dalla chiesa intitolata a Sant'Angelo di Licata, Patrono del comune. Muxaro è un arabismo, con probabile valore semantico di ‘sega'. La sua costituzione vanta origini molto remote, come testimoniano i reperti archeologici del IX-V secolo a.C. Molto probabilmente, fu conquistata e abitata sia da popolazioni sicane che dagli arabi. Questi ultimi furono scacciati nell'anno 1087 dal conte Ruggero il Normanno. Nel XII secolo la giurisdizione del feudo fu esercitata dai Chiaromonte. Tra gli altri feudatari che si occuparono dell'amministrazione del casale si ricordano i Moncada e i De Marinis. L'attuale centro abitato, invece, fu costituito nell'anno 1506 per volere della famiglia Aragona-Pignatelli, che si occupò del suo sviluppo economico e artistico. Del suo patrimonio storico-architettonico fanno parte: la chiesa del Carmelo, costruita nella seconda metà del XVII secolo, al cui interno si custodisce una statua lignea albanese; la parrocchiale di Sant'Angelo Martire, che presenta una pregevole facciata barocca, accanto alla quale si erge una torre campanaria in stile neoclassico; i ruderi del castello medievale; una vasta necropoli a grotticelle, scavata sui fianchi della collina su cui sorge l'odierno centro abitato, risalente al IX secolo a.C., in cui spicca la tomba a tholos del Principe, composta da una grande camera circolare del diametro di 8,80 metri, con volta a cupola.

Invia segnalazione | Invia una foto

Invia segnalazione

I campi indicati con * sono obbligatori.

     

Invia una foto

I campi indicati con * sono obbligatori.

Autorizzo la pubblicazione delle fotografie allegate sul portale www.italiapedia.it

News

Loading...

 

Realizzazione siti internet CODENCODE