ITALIAPEDIA - L'enciclopedia on line sui Comuni d'Italia

 

Home >> Nazione: Italia >> Regione: Friuli-Venezia Giulia >> Provincia: Udine >> Comune: San Giovanni al Natisone

SAN GIOVANNI AL NATISONE (UD)

 
Stemma del comune non disponibile
 

Servizi

  • Stazione ferroviaria: a San Giovanni al Natisone
  • Porto: a Monfalcone (GO) e a Trieste
  • Aeroporto: a Trieste/Ronchi dei Legionari e a Milano/Malpensa
  • Carabinieri: a San Giovanni al Natisone
  • Guardia di finanza: a Cividale del Friuli
  • Vigili del fuoco: a Udine
  • Corte d'Appello: a Trieste
  • Tribunale: a Udine
  • Farmacia: a San Giovanni al Natisone
  • Ospedale: a Cividale del Friuli
  • Scuole: a San Giovanni al Natisone
  • Biblioteche: a San Giovanni al Natisone
  • Musei: a San Giovanni al Natisone
  • Uff.Postale: a San Giovanni al Natisone
 

Località

   

Comune di San Giovanni al Natisone - Storia

Abitata quasi sicuramente già in epoca romana, deriva il toponimo dal nome del Santo Patrono. Chiamata a lungo San Giovanni di Manzano, ha assunto l’attuale denominazione con un regio decreto del 1928, con chiaro riferimento alla sua ubicazione nei pressi del fiume Natisone. Probabile teatro di scontro, all’inizio del VII secolo dopo Cristo, tra i longobardi e gli avari, che invasero gran parte della regione, passò poi alle dipendenze del patriarca di Aquileia, che la sottopose alla giurisdizione dell’abbazia di Rosazzo. Nel corso del Duecento fu travagliata dalle continue lotte tra i signori locali, che si contendevano il possesso di Villanova, in cui, nella prima metà del XIV secolo, si tennero le riunioni dei parlamenti generali del patriarcato. Inserita nella gastaldia di Manzano, nel 1420 entrò a far parte dei possedimenti della repubblica veneta, finendo, nel 1523, sotto la dominazione dell’Austria, protrattasi fino al 1866, quando fu annessa all’Italia. Durante la prima guerra mondiale, nel 1917, fu soggetta a una dura rappresaglia da parte degli austriaci che, ritenendo doloso lo scoppio della polveriera situata nella vicina località di Bolzano, rinchiusero nei campi di concentramento tutti gli uomini. Il patrimonio architettonico annovera: la chiesa parrocchiale di San Giovanni Battista, costruita nella prima metà del XIX secolo; la quattrocentesca chiesetta di San Giusto, in cui si trova una pala d'altare in legno, del Cinquecento; la villa dei conti de Brandis, del XVIII secolo, e la villa di Trento, a Dolegnano, risalente all'inizio del Settecento.

Invia segnalazione | Invia una foto

Invia segnalazione

I campi indicati con * sono obbligatori.

     

Invia una foto

I campi indicati con * sono obbligatori.

Autorizzo la pubblicazione delle fotografie allegate sul portale www.italiapedia.it

News

Loading...

 

Realizzazione siti internet CODENCODE