ITALIAPEDIA - L'enciclopedia on line sui Comuni d'Italia

 

Home >> Nazione: Italia >> Regione: Veneto >> Provincia: Treviso >> Comune: Refròntolo

REFRòNTOLO (TV)

 
Stemma del comune non disponibile
 

Servizi

  • Stazione ferroviaria: a Conegliano
  • Porto: a Venezia
  • Aeroporto: a Venezia/Tessera e a Milano/Malpensa
  • Carabinieri: a Pieve di Soligo
  • Guardia di finanza: a Conegliano
  • Vigili del fuoco: a Conegliano
  • Corte d'Appello: a Venezia
  • Tribunale: a Treviso
  • Farmacia: a Refròntolo
  • Ospedale: a Conegliano
  • Scuole: a Refròntolo
  • Biblioteche: a Refròntolo
  • Musei: a Refròntolo
  • Uff.Postale: a Refròntolo
 

Località

   

Comune di Refròntolo - Storia

Parte della marca trevigiana, dopo una serie di vicende, che la videro aggregarsi e poi disaggregarsi da altri comuni, raggiunse la sua autonomia solo dopo la prima metà del XX secolo. Il nome probabilmente deriva da REX FRONDIUM ovvero ‘re delle frondi’, risalente a studi etimologici rinascimentali, o da Roncofronto ovvero RONCUS FRONDIUM, inteso come ‘fruscio di ramoscelli scossi dal vento’, così come si trova in un atto notarile dell’Archivio di Stato di Venezia del XII secolo. La zona nel X secolo era posseduta dai vescovi-conti di Ceneda che, nel XIII secolo, la cedettero come feudo prima ai Porcìa e poi ai Caminesi. Dal XIV al XVI secolo fu sotto la giurisdizione di Collalto ma proprio alla fine del XVI secolo la supremazia passò alla Serenissima, eccetto i feudi di Collalto e di San Salvatore, che nel XVIII secolo furono riuniti sotto un’unica amministrazione. Dopo la caduta della Repubblica veneta, fu ancora sotto l’amministrazione dei Collalto fino al XIX secolo quando venne aggiunta alla municipalità di San Pietro di Feletto. Per quasi tutto il secolo XIX e fino agli inizi del XX secolo ebbe un’amministrazione autonoma insieme con Barbisano e Collalto, che alla fine del XIX secolo si unì a Susegana. Nella prima metà del XX secolo fu aggregata al comune di Pieve di Soligo. Dall’inventario dei Beni Stabili dell’XI secolo si ha notizia dell’esistenza della cappella di Santa Margherita dove erano conservate alcune opere d’arte tra cui la pala di Sant’Antonio da Padova del Ridolfi. Per l’architettura civile va segnalata la cinquecentesca villa Capretta e la settecentesca villa Spada.

Invia segnalazione | Invia una foto

Invia segnalazione

I campi indicati con * sono obbligatori.

     

Invia una foto

I campi indicati con * sono obbligatori.

Autorizzo la pubblicazione delle fotografie allegate sul portale www.italiapedia.it

News

Loading...

 

Realizzazione siti internet CODENCODE