ITALIAPEDIA - L'enciclopedia on line sui Comuni d'Italia

 

Home >> Nazione: Italia >> Regione: Friuli-Venezia Giulia >> Provincia: Udine >> Comune: Reana del Roiale

REANA DEL ROIALE (UD)

 
Stemma del comune non disponibile
 

Servizi

  • Stazione ferroviaria: a Tricesimo: loc. San Pelagio
  • Porto: a Monfalcone (GO) e a Trieste
  • Aeroporto: a Trieste/Ronchi dei Legionari e a Milano/Malpensa
  • Carabinieri: a Tavagnacco
  • Guardia di finanza: a Udine
  • Vigili del fuoco: a Udine
  • Corte d'Appello: a Trieste
  • Tribunale: a Udine
  • Farmacia: a Reana del Roiale
  • Ospedale: a Udine
  • Scuole: a Reana del Roiale
  • Biblioteche: a Reana del Roiale
  • Musei: a Reana del Roiale
  • Uff.Postale: a Reana del Roiale
 

Località

  • Salta elenco località
  • Casali Gentilini, 
  • Casali Segatt, 
  • Morena, 
  • Qualso, 
  • San Bernardo, 
  • Vergnacco, 
  • Zompitta. 
   

Comune di Reana del Roiale - Storia

Abitata da popolazioni veneto-illiriche fin da tempi remoti, registrò in seguito stanziamenti di celti e romani, di cui sono pervenute varie testimonianze. La prima parte del toponimo, che in documenti del XIII secolo compare anche nelle forme di Reyana e Regiana, deriva dalla voce friulana “roia”, che significa ‘canale di acqua corrente', con l'aggiunta del suffisso –ana. Da “roia” dipende la stessa specificazione “del Roiale”, aggiunta con un regio decreto del 1867. Dopo la caduta dell'impero romano si aprì alle invasioni barbariche, che portarono ovunque lutti e distruzioni. Sede di arimannia durante la dominazione longobarda, nel X secolo fu devastata dagli ungari che, come i loro predecessori, saccheggiarono molte località, decimandone la popolazione. Dotatasi probabilmente di una cinta muraria a difesa dagli invasori, in epoca patriarcale fu posta sotto la giurisdizione del capitanato di Tricesimo. Nel Trecento venne occupata dalle truppe del conte di Gorizia, con l'intento di privare Udine del rifornimento d'acqua assicurato dalle rogge rojalesi. Entrata a far parte, nella prima metà del XV secolo, dei domini veneziani, condivise le sorti della Serenissima fino al declino di questa, sancito dalla pace di Campoformio, della fine del Settecento. Alla parentesi napoleonica seguirono la restaurazione austriaca e l'annessione al regno d'Italia, nel 1866. Ingenti sono i stati i danni causati dal terremoto del 1976. Il patrimonio storico-architettonico annovera vari edifici di culto, tra cui spiccano: la settecentesca parrocchiale; la chiesa di Santa Maria degli Angeli, risalente alla seconda metà del XV secolo; la parrocchiale di Rizzolo, contenente pregevoli opere d'arte; la chiesa di Santa Maria, di origine romanica, il santuario del Carmine, del Seicento, e la duecentesca chiesetta di San Giacomo in Tavella, in località Ribis.

Invia segnalazione | Invia una foto

Invia segnalazione

I campi indicati con * sono obbligatori.

     

Invia una foto

I campi indicati con * sono obbligatori.

Autorizzo la pubblicazione delle fotografie allegate sul portale www.italiapedia.it

News

Loading...

 

Realizzazione siti internet CODENCODE