ITALIAPEDIA - L'enciclopedia on line sui Comuni d'Italia

 

Home >> Nazione: Italia >> Regione: Friuli-Venezia Giulia >> Provincia: Udine >> Comune: Moruzzo

MORUZZO (UD)

 
Stemma del comune non disponibile
 

Servizi

  • Stazione ferroviaria: a Udine
  • Porto: a Monfalcone (GO) e a Trieste
  • Aeroporto: a Trieste/Ronchi dei Legionari e a Milano/Malpensa
  • Carabinieri: a Majano
  • Guardia di finanza: a San Daniele del Friuli
  • Vigili del fuoco: a Udine
  • Corte d'Appello: a Trieste
  • Tribunale: a Udine
  • Farmacia: a Moruzzo
  • Ospedale: a San Daniele del Friuli
  • Scuole: a Moruzzo
  • Biblioteche: a Moruzzo
  • Musei: a Moruzzo
  • Uff.Postale: a Moruzzo
 

Località

  • Salta elenco località
  • Alnicco, 
  • Borgo Carboriana, 
  • Borgo Marano, 
  • Brazzacco, 
  • Brazzacco Alto, 
  • Mazzanins, 
  • Modotto, 
  • Santa Margherita. 
   

Comune di Moruzzo - Storia

I primi insediamenti nella zona risalgono a tempi molto antichi, come testimoniato dal rinvenimento di una necropoli di epoca celtica (V-IV secolo a.C.) e di altri reperti. Il toponimo , che in documenti del XII secolo compare nelle forme di Muruz, Moruth, Muruch, Muruz e Murutio, deriva dal termine latino MURUS, ‘muro’, con l’aggiunta del suffisso diminutivo –UCIUS, con probabile riferimento alla presenza nel territorio di qualche fortificazione romana. Dotata di più castelli a difesa dalle invasioni barbariche, durante la dominazione dei longobardi dovette ospitare una arimannia, venendo poi donata ai monasteri di Salt di Povoletto e Sesto al Reghena. Confermata al patriarca di Aquileia col diploma dell’imperatore Ottone II, fece parte della gastaldia di Fagagna. Feudo dei d’Arcano, nel XIII secolo fu coinvolta nelle lotte con i conti di Gorizia, i Colloredo e i signori di Fagagna, passando, nella prima metà del Quattrocento, sotto la dominazione della Repubblica Veneta, che la concesse alle famiglie dei d’Arcano e dei Polcenigo. La storia successiva al declino della Serenissima, sul finire del XVIII secolo, seguì quella del resto della provincia che, dopo la dominazione napoleonica e la restaurazione austriaca, fu annessa all’Italia nel 1866. Gravi sono stati i danni del terremoto del 1976. Tra le testimonianze storico-architettoniche spiccano: il castello medievale; la seicentesca villa Antonini Manin, circondata da un bel parco, con due torri laterali; l’antica parrocchiale di San Tommaso, citata già in un documento dell’inizio del XIII secolo; la chiesetta di Santa Eurosia, del Quattrocento, e quelle di San Michele Arcangelo e della Santissima Trinità, costruite rispettivamente nel XIV e XVII secolo.

Invia segnalazione | Invia una foto

Invia segnalazione

I campi indicati con * sono obbligatori.

     

Invia una foto

I campi indicati con * sono obbligatori.

Autorizzo la pubblicazione delle fotografie allegate sul portale www.italiapedia.it

News

Loading...

 

Realizzazione siti internet CODENCODE