ITALIAPEDIA - L'enciclopedia on line sui Comuni d'Italia

 

Home >> Nazione: Italia >> Regione: Emilia-Romagna >> Provincia: Parma >> Comune: Montechiarùgolo

MONTECHIARùGOLO (PR)

 
Stemma del comune non disponibile
 

Servizi

  • Stazione ferroviaria: a Bibbiano (RE)
  • Porto: a Ravenna
  • Aeroporto: a Bologna/Borgo Panigale e a Milano/Malpensa
  • Carabinieri: a Montechiarùgolo
  • Guardia di finanza: a Parma
  • Vigili del fuoco: a Parma
  • Corte d'Appello: a Bologna
  • Tribunale: a Parma
  • Farmacia: a Montechiarùgolo
  • Ospedale: a Montecchio Emilia (RE)
  • Scuole: a Montechiarùgolo
  • Biblioteche: a Montechiarùgolo
  • Musei: a Montechiarùgolo
  • Uff.Postale: a Montechiarùgolo
 

Località

  • Salta elenco località
  • Basilicagoiano, 
  • Basilicanuova, 
  • Cantone di Pariano, 
  • Case del Pesce, 
  • Case Nuove, 
  • Castello, 
  • Convento, 
  • La Fratta, 
  • Lovetta, 
  • Malcantone, 
  • Masdone, 
  • Monticelli Chiesa, 
  • Monticelli Terme, 
  • Pecorile, 
  • Piazza, 
  • Santa Felicola, 
  • Scornavacca, 
  • Tortiano, 
  • Tre Fiumi, 
  • Tripoli. 
   

Comune di Montechiarùgolo - Storia

I primi insediamenti nella zona risalgono a epoca preistorica, stando ai reperti archeologici scoperti nel territorio e databili all’età neolitica; a questi ne subentrarono altri fino ad arrivare alla colonizzazione dei romani, di cui pure sono pervenute varie testimonianze. Le origini dell’abitato, sviluppatosi intorno al castello, vengono riportate al secolo XI. Il toponimo, che in documenti medievali compare nelle forme Monteclariculo, Monticuli Reguli, Mons Clariculus, Monte Clerevulo e Monteclaruguli, probabilmente è un diminutivo del latino MONS CLARUS, ‘monte chiaro’, ossia ‘spoglio di alberi’. Possedimento, nel XIII secolo, del comune di Parma, fu assegnata ai Sanvitale che, essendosi alleati con i Visconti, provocarono la reazione dei Da Correggio, alla guida del capoluogo provinciale, i quali assediarono e distrussero la rocca montechiarugolese. Passata ai Rossi, all’inizio del Quattrocento, fu successivamente conquistata da Luchino Visconti, che iniziò la ricostruzione del fortilizio, terminata dai Torelli. Questi, pur tra alterne vicende, tennero il feudo fino alla prima metà del XVII secolo. Entrata a far parte del ducato dei Farnese, verso la fine del Settecento fu occupata dagli austriaci. Non si segnalano altri eventi di rilievo e nei secoli successivi segue le vicende del resto della provincia. Tra i monumenti spicca il castello, con una grande torre, a base quadrata, che costituisce la parte più antica di tutto il complesso; cinto di possenti mura, contiene sale affrescate e arredate con mobili, tappeti, quadri e armi d’epoca. Interessanti sono anche: la chiesa parrocchiale, costruita nel Novecento, in stile romanico, e, a Tortiano, la villa Meli Lupi, di forme neoclassiche.

Invia segnalazione | Invia una foto

Invia segnalazione

I campi indicati con * sono obbligatori.

     

Invia una foto

I campi indicati con * sono obbligatori.

Autorizzo la pubblicazione delle fotografie allegate sul portale www.italiapedia.it

News

Loading...

 

Realizzazione siti internet CODENCODE