ITALIAPEDIA - L'enciclopedia on line sui Comuni d'Italia

 

Home >> Nazione: Italia >> Regione: Emilia-Romagna >> Provincia: Bologna >> Comune: Medicina

MEDICINA (BO)

 
Stemma del comune non disponibile
 

Servizi

  • Stazione ferroviaria: a Castel San Pietro Terme
  • Porto: a Ravenna
  • Aeroporto: a Bologna/Borgo Panigale e a Milano/Malpensa
  • Carabinieri: a Medicina
  • Guardia di finanza: a Molinella
  • Vigili del fuoco: a Medicina
  • Corte d'Appello: a Bologna
  • Tribunale: a Bologna
  • Farmacia: a Medicina
  • Ospedale: a Medicina
  • Scuole: a Medicina
  • Biblioteche: a Medicina
  • Musei: a Medicina
  • Uff.Postale: a Medicina
 

Località

  • Salta elenco località
  • Aia Schiappa, 
  • Aia Tombazza, 
  • Bidocchio, 
  • Borgo San Paolo, 
  • Bottega Contado, 
  • Buda, 
  • Casa Cacciatori, 
  • Casa Trevisan, 
  • Crocetta, 
  • Fantuzza, 
  • Fasanina, 
  • Fiorentina, 
  • Fossatone, 
  • Ganzanigo, 
  • La Cascinaccia, 
  • La Cooperativa, 
  • La Fabbrica, 
  • La Palazza, 
  • Loreto, 
  • Muzzaniga, 
  • Portonovo, 
  • Roslè, 
  • San Martino, 
  • Sant'Antonio, 
  • Sant'Apollonia, 
  • Via Nuova, 
  • Villa Fontana. 
   

Comune di Medicina - Storia

Citata per la prima volta in un documento della seconda metà del IX secolo, fu fondata in epoca romana. Nel Medioevo fece parte dei feudi di Matilde di Canossa, alla quale andrebbe riportato il toponimo, derivante dall’omonimo termine latino, che significa ‘posto ove ci si cura, ci si medica’: la contessa, secondo una leggenda, la chiamò così essendovi stata guarita da una grave malattia e, in segno di ringraziamento, assegnò alcune terre alle persone indigenti del posto. Oggetto di contese tra il papato e i bolognesi, verso la metà del XII secolo fu distrutta da questi ultimi, costretti poi a ricostruirla da Federico Barbarossa. Le dispute continuarono per tutto il Quattrocento, coinvolgendo i milanesi, i fiorentini e la Santa Sede. Agli inizi del secolo successivo fu annessa allo Stato Pontificio, venendo sottoposta alla giurisdizione di Bologna, da cui cercò più volte di sottrarsi. Centro, specie nel Seicento, di una fervida attività culturale, grazie al sorgere di accademie letterarie e musicali, raggiunse una certa autonomia amministrativa ed economica, perdendola verso la metà del Settecento, quando, con una bolla del pontefice Benedetto XIV, fu inserita nel contado bolognese, di cui condivise le sorti. Pregevole è il patrimonio storico-architettonico, in cui spiccano: l’antica chiesa dell’Assunta; quelle dell’Osservanza, del Carmine e del Suffragio; la chiesa arcipretale di San Mamante, restaurata nel Settecento; il palazzo comunale; la torre dell’orologio, rifatta nella prima metà del XVIII secolo; il settecentesco oratorio di San Rocco; la chiesa di Buda, del Quattrocento; quella della Santissima Trinità, in località Fiorentina; le chiese della Natività della Madonna e dei Santi Giovanni Battista e Donnino nonché la casa della Partecipanza (antica istituzione diffusa nel Bolognese), a Villa Fontana.

Invia segnalazione | Invia una foto

Invia segnalazione

I campi indicati con * sono obbligatori.

     

Invia una foto

I campi indicati con * sono obbligatori.

Autorizzo la pubblicazione delle fotografie allegate sul portale www.italiapedia.it

News

Loading...

 

Realizzazione siti internet CODENCODE