ITALIAPEDIA - L'enciclopedia on line sui Comuni d'Italia

 

Home >> Nazione: Italia >> Regione: Emilia-Romagna >> Provincia: Parma >> Comune: Medesano

MEDESANO (PR)

 
Stemma del comune non disponibile
 

Servizi

  • Stazione ferroviaria: a Medesano
  • Porto: a Genova
  • Aeroporto: a Bologna/Borgo Panigale e a Milano/Malpensa
  • Carabinieri: a Medesano
  • Guardia di finanza: a Fornovo di Taro
  • Vigili del fuoco: a Parma
  • Corte d'Appello: a Bologna
  • Tribunale: a Parma
  • Farmacia: a Medesano
  • Ospedale: a Fidenza
  • Scuole: a Medesano
  • Biblioteche: a Medesano
  • Musei: a Medesano
  • Uff.Postale: a Medesano
 

Località

  • Salta elenco località
  • Arduini, 
  • Ca' Bernini, 
  • Ca' Dordone, 
  • Ca' Rettori, 
  • Case Caselli, 
  • Cavicchiolo, 
  • Costa Cavalli, 
  • Felegara, 
  • Ferrari, 
  • La Carnevala, 
  • Mezzadri, 
  • Ramiola, 
  • Roccalanzona, 
  • Sant'Andrea Bagni, 
  • Troilo, 
  • Varano Marchesi. 
   

Comune di Medesano - Storia

Abitata fin da tempi preistorici, come testimoniano i reperti rinvenuti nella zona e databili all'età neo-eneolitica e del bronzo, registrò in seguito altri insediamenti fino ad arrivare alla conquista dei romani. Il toponimo, che in documenti medievali compare nelle forme Medusiano, Medexana, Medaxano e Medexano, deriva dal personale latino MEDISIUS o MATISIUS, con l'aggiunta del suffisso aggettivale -anus. Inserita, nel IX secolo, nell'elenco delle terre donate al monastero di Sant'Alessandro di Parma dalla regina Cunegonda, fu oggetto di aspre contese tra parmensi e piacentini, divenendo teatro di battaglie e subendo inevitabili devastazioni. Nel corso del 1100, Oberto Pallavicino vi fece costruire una rocca, rimasta alla sua famiglia fino alla prima metà del Trecento, quando passò ai Da Correggio, i quali la distrussero, all'inizio del XV secolo, per impedire che cadesse nelle mani dei Visconti. Saccheggiata dalle truppe di Carlo VIII, che ne attraversarono il territorio dopo la battaglia di Fornovo di Taro, della fine del Quattrocento, fu successivamente concessa ai Cornazzano, cui subentrarono i Sanvitale. Entrata a far parte del ducato farnesiano, che il congresso di Vienna assegnò a Maria Luigia d'Austria, fu annessa al regno d'Italia nel 1860. La storia seguente, in cui mancano avvenimenti di particolare rilievo, non si discosta da quella del resto della provincia, attivamente impegnato nella lotta partigiana. Il patrimonio storico-architettonico annovera alcuni edifici di culto, tra i quali spiccano: la chiesa di San Pantaleone, costruita nella prima metà del Novecento, in stile neo-gotico; la chiesa di San Michele, in cui si possono ammirare pregevoli opere settecentesche, a Roccalanzona; quella di Santa Lucia, nell'omonima località.

Invia segnalazione | Invia una foto

Invia segnalazione

I campi indicati con * sono obbligatori.

     

Invia una foto

I campi indicati con * sono obbligatori.

Autorizzo la pubblicazione delle fotografie allegate sul portale www.italiapedia.it

News

Loading...

 

Realizzazione siti internet CODENCODE