ITALIAPEDIA - L'enciclopedia on line sui Comuni d'Italia

 

Home >> Nazione: Italia >> Regione: Basilicata >> Provincia: Potenza >> Comune: Francavilla in Sinni

FRANCAVILLA IN SINNI (PZ)

 
Stemma del comune non disponibile
 

Servizi

  • Stazione ferroviaria: a Policoro (MT)
  • Porto: a Taranto
  • Aeroporto: a Bari/Palese e a Napoli/Capodichino
  • Carabinieri: a Francavilla in Sinni
  • Guardia di finanza: a Lauria
  • Vigili del fuoco: a Lauria
  • Corte d'Appello: a Potenza
  • Tribunale: a Lagonegro
  • Farmacia: a Francavilla in Sinni
  • Ospedale: a Chiaromonte
  • Scuole: a Francavilla in Sinni
  • Biblioteche: a Francavilla in Sinni
  • Musei: a Francavilla in Sinni
  • Uff.Postale: a Francavilla in Sinni
   

Comune di Francavilla in Sinni - Economia

Oltre che dei consueti uffici municipali e postali, è sede di Pro Loco e di stazione dei carabinieri. Nell’economia locale l’agricoltura conserva un ruolo importante: si coltivano cereali, frumento, foraggi, ortaggi, oliveti e vigneti; diffuso è l’allevamento di suini, ovini, caprini e avicoli, seguito da quello di bovini ed equini. Il tessuto industriale è rappresentato da più aziende che operano soprattutto nei comparti metalmeccanico ed edile; a queste si affiancano fabbriche alimentari, tessili, dell’abbigliamento, dei mobili e dei materiali da costruzione (tra cui il vetro); degna di nota è la lavorazione artigianale del legno e della ceramica ma non mancano sarti e maestri del ferro. Il terziario si compone di una discreta rete commerciale e dell’insieme dei servizi, che comprendono quello bancario e attività di consulenza informatica. Priva di servizi pubblici particolarmente significativi, non presenta strutture sociali di rilievo, mentre quelle scolastiche garantiscono la frequenza delle classi dell’obbligo. Le strutture ricettive, che annoverano anche alcune aziende agrituristiche, offrono possibilità sia di ristorazione che di soggiorno; quelle sanitarie assicurano il servizio farmaceutico.

Fondi comunitari

Comune in "phasing-out", appartenente, cioè, a quelle aree che, già comprese nell'Obiettivo 1 nel periodo di programmazione 2000-2006, nel nuovo ciclo di programmazione 2007-2013 sono beneficiarie di un sostegno transitorio accordato in quanto la loro uscita dalle aree economicamente depresse è avvenuta per l'effetto statistico dell'allargamento dell'UE a Paesi con PIL sensibilmente inferiore alla media comunitaria e non solo per progressi economici. Tale sostegno transitorio, che termina nel 2013, è accordato per rendere meno drastico il passaggio da un regime di sostegno a un altro riservato alle aree più prospere.
Cfr. Regolamento (CE) n. 1083/2006 dell'11 luglio 2006 recante disposizioni generali sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, sul Fondo Sociale Europeo e sul Fondo di Coesione.

Invia segnalazione | Invia una foto

Invia segnalazione

I campi indicati con * sono obbligatori.

     

Invia una foto

I campi indicati con * sono obbligatori.

Autorizzo la pubblicazione delle fotografie allegate sul portale www.italiapedia.it

News

Loading...

 

Creazione siti internet CODENCODE