ITALIAPEDIA - L'enciclopedia on line sui Comuni d'Italia

 

Home >> Nazione: Italia >> Regione: Emilia-Romagna >> Provincia: Modena >> Comune: Carpi

CARPI (MO)

 
Stemma del comune non disponibile
 

Servizi

  • Stazione ferroviaria: a Carpi
  • Porto: a Ravenna
  • Aeroporto: a Bologna/Borgo Panigale e a Milano/Malpensa
  • Carabinieri: a Carpi
  • Guardia di finanza: a Carpi
  • Vigili del fuoco: a Carpi
  • Corte d'Appello: a Bologna
  • Tribunale: a Modena
  • Farmacia: a Carpi
  • Ospedale: a Carpi
  • Scuole: a Carpi
  • Biblioteche: a Carpi
  • Musei: a Carpi
  • Uff.Postale: a Carpi
 

Località

  • Salta elenco località
  • Ascari, 
  • Bella Rosa, 
  • Budrione, 
  • Ca' Barbieri, 
  • Cantone, 
  • Case Nuove, 
  • Castelli Parpaglia, 
  • Cortile, 
  • Fossoli, 
  • Gargallo, 
  • Gruppo, 
  • Migliarina, 
  • Motta, 
  • Osteria, 
  • Paganelle Guerri, 
  • Ponte Lancellotti Ovest, 
  • Ponte Lancellotti Sud, 
  • Ponte Nuovo, 
  • Roma-Migliarina, 
  • San Marino, 
  • San Martino Chiesa, 
  • San Martino Scuole, 
  • Santa Croce Chiesa, 
  • Santa Croce Scuole, 
  • Vittoria, 
  • Zuccolini. 
   

Comune di Carpi - Storia

Ricordata da epoca longobardo-franca, fu abitata fin dall’età del bronzo, come testimoniano le tracce di villaggi terramaricoli scoperte nei dintorni. Ai primitivi insediamenti ne subentrarono altri, stando ai vari manufatti, di tipo etrusco-padano, rinvenuti nei pressi della città e databili al VII secolo a.C. Conquistata dai galli boi, fu poi colonizzata dai romani, che bonificarono il terreno, procedendo in seguito alla sua centuriazione. Il toponimo deriva probabilmente dal latino CARPINUS, ‘carpine’, pianta, un tempo, molto diffusa nel territorio; non manca però chi lo riporta ai carpi, popolo balcanico, sconfitto dai romani e condotto nella zona. Spopolatasi nell’alto Medioevo, a causa delle invasioni barbariche, da cui cercò di difendersi, munendosi di fortificazioni, sul finire del secolo XI fu infeudata ad Azzo Adalberto, avo della contessa Matilde di Canossa. Nel Trecento fu oggetto di accese dispute tra gli Este, i Salinguerra Torelli, i Bonacolsi di Mantova e i Pio di Modena. Assegnata a questi ultimi, rimase sotto la loro signoria fino al XVI secolo, divenendo, con Alberto III Pio, detto “il dotto”, una prestigiosa sede del Rinascimento. Nella prima metà del Cinquecento finì nelle mani degli Estensi, che la governarono fino all’annessione al Regno d’Italia, sia pure con la parentesi napoleonica, durante la quale fece parte della Repubblica cisalpina. Dopo una breve adesione al fascismo, partecipò attivamente alla Resistenza. A Fossoli si trovava un campo di concentramento nazista. Tra i monumenti: il castello dei Pio; il settecentesco palazzo comunale; il palazzo Foresti; il teatro; la sinagoga, della metà dell’Ottocento; la cattedrale dell’Assunta; le chiese di S. Nicolò, S. Francesco, della Sagra, dei Gesuiti e del Crocifisso.

Invia segnalazione | Invia una foto

Invia segnalazione

I campi indicati con * sono obbligatori.

     

Invia una foto

I campi indicati con * sono obbligatori.

Autorizzo la pubblicazione delle fotografie allegate sul portale www.italiapedia.it

News

Loading...

 

Realizzazione siti internet CODENCODE